Residenza per Artisti 2016



Oltre 50 artisti da tutta Italia e diverse parti del mondo sono stati selezionati attraverso la Open Call del Festival della Resilienza 2016, vivendo per 9 giorni il territorio, creando laboratori e percorsi artistici per la comunità e rivalorizzando l’Istituto Saveriano, realtà storica di Macomer, che ha visto i missionari abbandonare il paese dopo oltre 30 anni. La residenza è stata supportata dai cittadini con donazioni e attraverso scambi di competenze ed economia della condivisione, fornendo oltre 250kg di viveri dagli orti privati e le aziende del territorio, aprendo strutture pubbliche e private, offrendo decine di laboratori ed eventi culturali gratuitamente, eppur generando oltre 15mila euro di ricchezza indotta sul territorio. L’esperienza si è conclusa con la messa in scena di uno spettacolo itinerante nelle tre piazze principali del Centro Storico. Le particolarità di questo esperimento non si son sviluppate solo attraverso la creazione di una “direzione artistica diffusa”, autogestita dalle stesse compagnie, ma principalmente nell’obbiettivo raggiunto di dare come priorità del progetto, piuttosto che la crescita artistica individuale, la crescita socio-culturale della comunità ospitante. Per questo motivo durante la settimana le iniziative artistiche sono state affiancate dal confronto di decine di Ospiti ed Esperti nel campo dell’Innovazione Sociale e da Attività Laboratoriali.
Prendashanseaux
La danza contemporanea e la fotografia sono due linguaggi differenti e in apparenza lontani, far incontrare e interagire queste due forme d’arte è il fulcro della ricerca e della poetica di Prendashanseaux, la compagnia Sarda che opera a Reggio Emilia fondata nel 2013 e diretta da due giovani sardi, Antonio Bissiri e Fabio Sau, che danno vita ad un progetto che ha come obiettivo principale, quello di godere del concetto di condivisione attraverso due linguaggi che, alternandosi, si supportano per raggiungere il medesimo scopo… raccontarsi.
  • Text
  • Example

    Antonio Bissiri
  • Example

    Fabio Sau
  • Example

    Martina Monaco
  • Example

    Chiara Toniutti
  • Example

    Nila Masala
  • Example

    Salvatore Sciancalepore
  • Example

    Antonio Forte
  • Example

    Francesca Lateana
  • Example

    Massimiliano Murru
  • Example

    Francesca Romana Motzo
  • Example

    Stephanie Alfa
  • Example

    Manuele Pinna
  • Example

    Ignazio Loi
Sardegna Teatro
La storia della compagnia affonda le sue radici negli anni’60, con le esperienze universitarie, ma il passaggio deciso al professionismo si può ricondurre al novembre del 1972, e alla realizzazione di “Quelli dalle labbra bianche”, dal romanzo di Francesco Masala, lo spettacolo che avrebbe portato –nel marzo del 1973 – alla costituzione della cooperativa Teatro di Sardegna. Luca Spanu, Giaime Mannias e Valentino Mannias (Premio Hystrio alla Vocazione 2015) hanno portato in scena gli spettacoli “Giovanna detta anche Primavera” e “Esodo, tributo a Sergio Atzeni”.
  • Text
  • Example

    Valentino Mannias
  • Example

    Luca Spanu
  • Example

    Giaime Mannias
Pitch Contest Macomer ProPositivo-Sardegna Teatro
All’interno della cornice del Festival della Resilienza 2016, promosso a Macomer dall’associazione ProPositivo, Sardegna Teatro continua nello sviluppo della rete Giovani Idee. Attraverso l’organizzazione di un Pitch Contest, in programma il giorno 1 Settebre 2016 e previsto per la prima volta fuori dai confini del Teatro Massimo di Cagliari, il progetto ha l’obiettivo di scoprire, accompagnare e sostenere giovani artisti sardi emergenti nel loro percorso di crescita professionale. Opportunità a cui si aggiungerà eccezionalmente quella di candidarsi alla partecipazione della Residenza degli Artisti, promossa da ProPositivo e Sardegna Teatro, in collaborazione con Sardegna Film Commission e il Centro Servizi Culturali di Macomer.
Anonima Sette
Anonima Sette nasce a Roma ad Aprile del 16, con lo scopo di creare una sintesi tra il teatro di ricerca e il teatro popolare. Nel corso della sua breve esperienza ha vinto due prestigiosi premi con il corto teatrale B/Ride e ha collaborato con la compagnia Coturno 15 (in cartellone al Plautus Festival 2016) e Habitas (collaborazione in corso per il Fring di Roma 2016). Anonima Sette fa dello scambio, della collaborazione e della condivisione di maestranze il suo cuore pulsante. Un movimento teatrale fondato sull’idea di mutualità tra compagnie, sulla creazione di contatti tra le compagnie under 35 italiane, sulla creazione di spettacoli e performance che uniscano generi brillanti e classici a metodologie e ricerche contemporanee.
  • Example
  • Text

    Giacomo Sette
  • Example

    Azzurra Lochi
  • Example

    Anna Maria Avella
  • Example

    Andrea Meloni
BologniniCosta
bologninicosta è un collettivo che si occupa di arti performative. È un progetto di ricerca sociale e artistica. Sociale perché si interessa di questioni civili utilizzando gli strumenti offerti dalla sociologia: indagine sul campo, raccolta dati, interviste. È uno studio attivo sul territorio, che attraverso l’esperienza diretta con le realtà suburbane amplifica e trasmette la voce delle minoranze. Artistica perché, attraverso l’attivismo creativo, va alla ricerca di nuovi linguaggi. Ha vinto prestigiosi premi tra cui il Primo Premio Nazionale di Drammaturgia Contemporanea.
  • Example
  • Text

    Dario Costa
  • Example

    Sofia Bolognini
  • Example

    Nicole Petruzza
  • Example

    Martina Palla
  • Example

    Edoardo Borzi
Tenore Janna Bentosa
Su tenore Janna Bentosa naschit in Nùgoro in sos primos meses de su 2012 ponende paris bàtoro pitzinnos nugoresos chin esperìentzias diferentes in custu mundu. Su tenore cantat, pro su chi atenet a sas modas, su repertòriu tìpicu de sa tradissione nugoresa: sa boche a sa sèria (a istèrrias e ziradas), a s’andira, su ballu nugoresu, su passu torrau, su dillu, sos mutos e sos gosos.

janna

Duo Purpurri’ & Collettivo Clown
Il Duo PurPurrì nasce nel 2015 grazie ad un incontro casuale tra Elisa Di Cristofaro e Carole Madella, allieve del corso di Giocoleria di Shay Wapniaz e Lorenzo Crivellari presso la palestra Corpi Pazzi di Roma. Subito la loro conoscenza diventa sperimentazione umana ed artistica. Collaborano con il Collettivo Clown di Milano con il quale partecipano al palco aperto in occasione del Festival del Giullare 2016 e del Festival della Resilienza 2016.
  • Text

    Duo Purpurrì
  • Example

    Elisa de Cristofaro
  • Example

    Carole Madella
  • Example

    Francesco Zamboni
  • Text

    Collettivo Clown
Musicisti
  • Text

    Simone Colasante
  • Example

    Matteo Cappella
  • Example

    Moder
  • Example

    Mattia Deriu
  • Text

    Mario Gallus
Street Artist
  • Text

    Pietro Straullu
  • Example

    Valentina Vinci
  • Example

    SKAN
  • Example

    Daniele Gregorini
  • Text

    Marcello Marinelli
Video-Maker
  • Text

    Alberto Diana
  • Example

    Simone Bellanca, Impact Hub
  • Example

    Laura Herrero Garvin, Sardegna Film Commission
  • Example

    Michele Pusceddu
Fotografi
  • Text

    Vincenzo Sassu, European Journalism Center
  • Example

    Fabio Sau
  • Example

    Michele Pes
Altri
  • Text

    Oriana Bonilla Perez
  • Example

    Ilaria Dusi
  • Example

    Maria Giovanna Sechi
Coordinamento e Staff
  • Text

    Isabel Gollin
  • Example

    Luca Dionisi
  • Example

    Silvia Ventroni
  • Example

    Alessandro Pirisi
  • Example

    Laura d’Amato
  • Example

    Sara Deiana
  • Example

    Lodovica Pirisi
  • Example

    Antonio Manchia
  • Example

    Federica Fulghesu
  • Example

    Ruggero Loi
  • Example

    Mina Pischedda
  • Example

    Andrea Fadda
  • Example

    Gabriele Mula
  • Example

    Antongiulio Piras
  • Example

    Luana Checchia
Backstage