Da una parte la scienza è in grado di produrre grandi innovazioni ma, spesso, non è in grado di comunicarle. Basti pensare che 9 articoli accademici su 10 non vengono mai citati e, probabilmente, mai letti. Dall’altra parte, l’arte ha un grande potenziale relazionale e comunicativo, pur non disponendo di approfondite analisi scientifiche o sociali. L’animazione culturale del territorio è un aspetto fondamentale della metodologia di sviluppo glocale messa in campo da ProPositivo. Partendo dall’analisi di un territorio, le arti visive e performative, così come lo sport e la socialità, si rivelano gli unici strumenti in grado di stimolare participazione attiva intorno ai processi di rigenerazione delle comunità. Dal 2013, ProPositivo sperimenta nuove forme di animazione culturale attraverso:



Nato nel 2015 per mettere in rete e diffondere le realtà virtuose italiane, in soli cinque anni il Festival della Resilienza è cresciuto da un evento di pochi giorni nella sola Macomer ad una programmazione di oltre un mese diffusa nel Centro Sardegna, con interventi nelle province di Nuoro, Sassari e Oristano. Attraverso un approccio metodologico basato sull’incontro e la sinergia tra il mondo della scienza sociale e quello dell’arte pubblica, l’obiettivo è creare un ambiente dinamico e multilinguistico, capace di collegare logica e creatività, scuola e imprenditoria, istituzioni e società civile, pubblico e privato, ambiente ed urbanistica. Tutti ingredienti fondamentali per attivare processi di problem solving comunitario e di rigenerazione territoriale.
A breve maggiori novità su #RESILIENZA2020 .

Eventi & Manifestazioni



Gli eventi e le manifestazioni di ProPositivo tendono ad unire tradizione e innovazione all’interno di un format che mira a valorizzare il territorio e che, all’interno dello stesso evento, possa stimolare intereazione tra:

    [ARTI VISIVE & PERFORMATIVE]
  • Murales, Live Painting & Video Mapping
  • Rassegne cinematografiche
  • Spettacoli teatrali
  • Concerti & intrattenimento musicale
  • Arte di Strada & Giocoleria
  • Workshop musicali, artistici e teatrali
    [LETTERATURA]
  • Presentazioni di Libri
  • Incontri con autori
  • Workshop di scrittura

    [SPORT]
  • Tornei sportivi
  • Progettazione partecipata tra società sportive
    [IMPRESA]
  • Esposizioni di prodotti tipici, innovativi e/o sostenibili
  • Esposizioni di artigianato e produzioni live
  • Progettazione partecipata tra aziende
    [SOCIALE]
  • Nuove forme di convegnistica
  • Raccolte fondi benefiche
  • Percorsi di integrazione sociale
  • Promozione cause sociali e civiche

Residenze Artistiche con



Il progetto Esperienza di Resilienza Artistica (E.R.A) è una forma sperimentale di residenza per artisti che ha come scopo principale quello di produrre delle iniziative di innovazione sociale e culturale per il territorio ospitante. Il tessuto sociale assieme al patrimonio culturale locale costituiscono la base di ricerca della produzione artistica, chiamata a misurarsi con il concetto di Arte Pubblica​. La residenza viene quindi concepita come laboratorio partecipativo, in cui gli appassionati di ogni disciplina artistica tentano di indagare il “ruolo sociale” dell’arte, come processo sociale, educativo, civico, volto alla la crescita del singolo e del gruppo nella sua relazione con il contesto e con la comunità, in uno spirito di condivisione e contaminazione. Negli anni sono state sperimentate resiedenze legate al campo scientifico, teatreale, cinematografico, fotografico, musicale e per le arti visive e la street art.
Le Residenze di stampo teatrale hanno tutte avuto un esito performativo nel territorio, soffermandosi su diverse forme drammaturgiche e di interazione con al comunità, come il teatro immersivo, fisico, sociale e di inchiesta, sviluppando:
  • [2016] “Notti storiche”, con Sardegna Teatro, Sardegna Film Commission, Anonima Sette, Prendashanseaux, Bolognini Costa, Centro Servizi Culturali, Accademia Dimitri. Centro storico, Macomer.
  • [2017] “Notti Storiche”, con Sardegna Teatro, Sardegna Film Commission, Anonima Sette, Accademia Dimitri. Centro storico, Macomer.

  • [2018] “Pastorale”, con Sardegna Teatro, Sardegna Film Commission, Project XX1, Centro Servizi Culturali, Cinema Costantino, Accademia Dimitri. Centro Storico, Macomer.
  • [2019] “Non-conferenza”, con Sardegna Film Commission, Project XX1. Ibrido tra inchiesta giornalistica, conferenza divulgativa e teatro immersivo. Centro Servizi Culturali, Macomer.

Inte(g)razione Sociale



Rifugiati e Migranti

In un braccio di ferro fra occhi contrastanti, nell’autunno 2016 gli ospiti escono dall’albergo di Su Babbu Mannu e partecipano a “Cortes Apertas”, letteralmente cortili aperti, una manifestazione che apre i paesini della Barbagia al pubblico, in una collana di eventi stagionali che prende il nome di Autunno in Barbagia. Una manifestazione che narra le tradizioni e la cultura di questi luoghi, e le annaffia di folklore e Cannonau. Gli ospiti fanno il loro ingresso raccontando tra danze e musiche le loro tradizioni, colgono l’occasione per raccontarsi e ringraziare la comunità Dorgalese che li ha accolti unendosi all’ evento autunnale. In seguito, Arti Libere e ProPositivo hanno promosso un laboratorio teatrale di 4 mesi che ha visto locali e migranti conoscersi e raccontarsi. Le loro storie si connettono e, grazie all’espediente teatrale, si osservano con il giusto distacco che permette a paura e dolore di essere esorcizzati. Sono storie diverse da quelle che compaiono sui telegiornali, sono storie di persone reali. L’esito del laboratorio teatrale, scritto e diretto da Patrizia Viglino, é stato messo in scena il 29 di Gennaio alle 19.00, nel centro culturale di Dorgali e prende il titolo di RE.SI.LI.EN.ZA. Il percorso teatrale é stato certificato dall’associazione Le arti libere, che ha destinato le offerte raccolte ai ragazzi migranti coinvolti nel laboratorio. Lo spettacolo patrocinato dal comune di Dorgali ha travolto la comunità dorgalese. Scopri di più oppure Guarda il Video

Diversamente Abili



Alt Text
In occasione del Festival della Resilienza 2016, durante la giornata dedicata alla Sanità d’Iniziativa, in collaborazione con Special Olympics, ProPositivo ha promosso una giornata sportiva all’insegna dell’integrazione dei ragazzi diversamente abili che hanno disputato un triangolare in squadra miste con ragazzi normodotati. Special Olympics è un programma internazionale di allenamento sportivo e competizioni atletiche per quasi 4.000.000 persone, ragazzi ed adulti, con disabilità intellettiva. Nel mondo sono oltre 170 i paesi che adottano il programma Special Olympics. Il giuramento dell’Atleta Special Olympics è: “Che io possa vincere, ma se non riuscissi che io possa tentare con tutte le mie forze”. In Italia Special Olympics è stato inserito nell’ambito dell’attività della Federazione italiana SPORT Disabili (FISD) per circa 15 anni.

Workshop, Percorsi & Laboratori


Ilaboratori si presentano come percorsi in cui gli strumenti offerti dall’educazione formale, informale e non-formale vengono messi al servizio dell’individuo e del gruppo. Uno stop dalla frenesia e dalla routine della vita quotidiana per dedicare un po’ di tempo alla stimolazione dell’intelligenza logica, creativa ed emotiva. Negli ultimi anni sono stati portati avanti percorsi di tipo teatrale, civico, artistico-creativo, giornalistico e ambientale tra cui:
    [2016-17]
  • Corso di Digital Marketing e nuovi strumenti di Impresa, con 360 Gradi. Macomer
  • Percorsi fotografici con Gianluca Vassallo, “Lo sguardo oltre l’obiettivo”, Macomer.

  • [2018]
  • Percorsi fotografici con Gianluca Vassallo, “La funzione sociale della fotografia”
  • Percorsi Teatrali per bambini al Polo Educativo e per l’Università della Terza Età, con Accademia Dimitri. Macomer.
  • Percorsi Artistici per bambini e adolescenti della Casa Famiglia – con Guerrilla SPAM, M. Vitti, V. Zaccheddu, Coop Luoghi Comuni. Macomer

  • [2019]
  • Lab. Teatrali, artistici e di riciclo creativo per bambini al Centro Servizi Culturali Macomer, con A. Lochi e V. Zaccheddu.
  • “Poster-Art e Street-Art”, Lab. artistico per adolescenti con i Guerrilla SPAM.
  • “Giornalismo d’inchiesta e Territorio”, Lab. gironalistico per la redazione scolastica di Volta Pagina (Ghilarza).
  • Workshop Musicale, “La resilienza musicale della Loop Station”, Corsi di Improvvisazione a cura di Moses Concas. Estate, 2019.