Come fare esperienza all estero o ottenere aiuto nel proprio lavoro. Gratuitamente è ovvio.

ProPositivoConsapevolezza Leave a Comment

L’altro giorno mi è capita un esperienza consueta ma al contempo particolare. Consueta perché dopo essere tornato nel mio paesino natale per le vacanze invernali ho avuto la possibilità di rievocare vecchi luoghi e conoscenze, confrontandomi con essi. Con alcuni si è parlato del passato, con altri del futuro, con tutti della tristezza presente del luogo in cui viviamo. Cio che rende questa esperienza oltreché consueta anche particolare è il motivo per cui scrivo in questo momento, per via di coloro con il quale ho avuto modo di parlare oltreché del tempo anche di fortuna.”Beato te” mi dicevano “tu che hai la possibilità, la fortuna di studiare, di poter viaggiare”. Visto così il mio paese sembrerebbe davvero un luogo privo di risorse e opportunità per i più, disintegrando quelle statistiche che lo dipingono come benestante al fronte di una media di macchine per famiglia superiore all’1,6, e con più di dodici scuole (da elementari a superiori) per un area di appena 10 mila abitanti.

Ma proviamo a prescindere dal contesto sociale dipinto come più o meno favorevole all’autodeterminazione dei cittadini, proviamo ad andare oltre le opportunità offerte da un piccolo comune. Ho pensato: “Ma veramente la generazione di internet non conosce le immense risorse che la rete e il villaggio globale gli offre?” Cosciente delle complicazioni di accessibilità legate alla lingua, all’esperienza e alle competenze informatiche, ho deciso di stilare una lista con una breve sintesi dei più famosi siti e opportunità di studiare, lavorare o semplicemente fare esperienza all’estero spendendo il meno possibile, e in alcuni casi, pagando solo un biglietto aereo low-cost. Inoltre questo tipo di iniziative oltre ad essere una grande esperienza di vita, non solo danno la possibilità di vivere all’estero gratuitamente, ma offrono l’opportunità alle famiglie ospitanti di essere aiutate nel proprio lavoro e al proprio comune di rilanciare il turismo.  Ora vi spiego nel dettaglio. (Premi sul nome per aprire il link)

Workaway

Viene presentata come un opportunità di volontariato o scambio del proprio lavoro. Il sito mette a disposizione un database di migliaia di famiglie e imprese sparse in tutto il mondo che offrono la propria ospitalità (vitto, alloggio e qualche euro al giorno) per studio, lavoro, o per una eccitante esperienza di vita, a tutti coloro che siano disposti a ricambiare tramite il proprio contribuito. Sul sito si ha la possibilità di conoscere le famiglie, di sapere cosa ricercano e di capire, attraverso il feedback dei vecchi ospiti, se fanno al caso nostro. Le attività richieste sono estremamente variegate, dal lavoro in campagna ai lavori domestici, dalla pratica di lingue ai progetti ecosostenibili. Per divenire una famiglia ospitante che ricerca aiuto basterà invece iscriversi al sito, presentarsi, richiedere ciò di cui si ha bisogno e attendere le proposte.

WWOOF (World Wide Opportunities on Organic Farms)

E’ come il precedente ma si incentra sul settore dell’agricoltura e dell’allevamento in tutto il mondo. Non ricerca semplicemente opportunità di volontariato e di esperienza all’estero, ma mira all’accrescimento reciproco, alla ricerca di nuove techiche e colture. Fornisce a Viaggiatori (WWOOFers) e Aziende (Hosts) una tessera associativa in modo da rendere possibile la presenza di lavoro volontario nelle fattorie, ed offre ai viaggiatori la copertura assicurativa per gli infortuni e la responsabilità civile. La lista italiana WWOOF include aziende agricole di piccole e medie dimensioni, biologiche e biodinamiche: alcuni soci vivono delle loro coltivazioni e vendono i loro prodotti, mentre altri vogliono solamente essere autosufficienti, o semplicemente coltivare i propri ortaggi biologici. I soci Host non si aspettano dal WWOOFers conoscenza dei lavori agricoli al momento dell’arrivo in azienda. Ciò che si aspettano è la voglia di imparare, di collaborare alle attività, la capacità e la curiosità di adattarsi al loro stile di vita.

(Italiano)             (Internazionale)

Ragazzi alla pari

Vuoi migliorare le tue conoscenze linguistiche? Ti piacerebbe andare all’estero e vivere in famiglia? Avere l’assistenza della famiglia ospitante in cambio del tuo aiuto nelle faccende domestiche? Sul sito di Aupair World troverai famiglie ospitanti provenienti da tutto il mondo in modo rapido, semplice e gratuito. Come i precedenti siti offre un database di famiglie dispsote ad ospitare gente dal tutto da considerare come veri e propri membri della famiglia temporanei. In cambio di vitto e alloggio vengono richiesti diversi compiti a seconda delle esigenze indicate dalla famiglia, esse variano tra: tenere i bambini quandi i genitori lavorano, andare a prenderli a scuola, cucinare, ridipingere casa, aiutare in azienda, far praticare le lingue straniere ai bambini etc…Sarai tu a decidere quale famiglia contattare e in che momento farlo. Potrai infatti inviare direttamente la tua candidatura alle famiglie che troverai più interessanti e affidabili. Grazie ad un semplice messaggio standard potrai immediatamente mostrar loro il tuo interesse. Se anche la famiglia risulterà essere interessata, ti invierà una risposta positiva. Esperienza all estero, Esperienza all estero, Esperienza all estero, Esperienza all estero, Esperienza all estero, Esperienza all estero,

Couchsurfing

Couch Surfing è un progetto che nasce nel 2003 ad opera del programmatore statunitense Casey Fenton con la finalità di mettere in comunicazione persone disponibili a scambiarsi ospitalità. Il sevizio è gratuito come i precedenti. Si tratta infatti di un programma che permette di mettere in contatto persone con diverse esigenze da ogni parte del mondo; da una parte c’è chi mette a disposizione una stanza o il divano della sua casa o anche solo un angolo di giardino in cui poter piantare la tenda, mentre dall’altra c’è chi parte per nuovi e solitamente sconosciuti paesi e cerca un posto in cui poter sostare per qualche giorno. E’ un ‘esperienza che sicuramente offre la possibilità di viaggiare a costi molto bassi ma dà anche la possibilità di conoscere gente in tutto il mondo, relazionarsi a contesti culturalmente differenti, stringere legami e amicizie;  lo stesso slogan dei couch surfer recita, “il mondo è più piccolo di quello che pensi!” Entrare a fare parte di questa vivace comunità è semplice, è infatti sufficiente registrarsi nel sito per entrare a far parte del “gioco”, si inseriscono i propri dati anagrafici, si indica la città di residenza, l’eventuale disponibilità di poter ospitare un membro della comunità, anche se non è indispensabile per poter usufruire del servizio. Ogni utente ha una sua pagina personale in cui viene delineato il suo profilo; dati generici come età, titolo di studio, professione, ma anche annotazioni più personali come: interessi, passioni, coordinate degli ultimi viaggi, riflessioni in merito a quest’ultimi. Nel momento in cui un componente della comunità ha in programma un viaggio si mette in contatto con gli utenti più vicini alla meta del suo itinerario e domanda se vi sia la possibilità di usufruire della loro ospitalità per il periodo in questione. Durata, natura e termini della sistemazione sono chiariti anticipatamente via web tra le parti. Essendo un programma nato per il libero scambio di ospitalità, non è previsto alcun corrispettivo di tipo monetario, ma non è raro che l’ ospite si presenti con qualche prodotto tipico del suo paese o un piccolo dono per il suo generoso anfitrione. Onde evitare situazioni spiacevoli è vivamente consigliata la ricerca di una sistemazione offerta da un membro che condivida passioni, idee e interessi simili o comunque non in contrasto con quelli del viaggiatore. E’ quindi opportuno visionare con attenzione il profilo dei soggetti in causa (ospite e padrone di casa) da entrambe le parti, per trovare quello con maggiore affinità e compatibilità rispetto alle necessità/ esigenze presentate. In merito a questo è quindi fondamentale essere chiari e precisi sul periodo di permanenza e sugli orari di arrivo e partenza in caso vi sia la disponibilità/ richiesta di essere accompagnati nelle stazioni, aeroporti ecc. E’ inoltre buona norma chiarire le intenzioni durante il soggiorno, come attività culturali, quali visita di siti, musei e monumenti, o qualsiasi altro genere di interesse.Mettendo a disposizione un divano in casa propria si da la possibilità a chiunque ci faccia richiesta, se acconsentiamo, di venire a stare da noi per il tempo che necessita. Logicamente disponiamo di un database di persone sparse per il mondo, con un indice di affidabilità basato sui feedback dei precedenti ospiti. Ovunque nel mondo c’è un appoggio che fa al caso nostro.

ScambiEuropei 

Straordinario portale web che raggruppa numerose opportunità di tirocini, stage, lavori e SVE (Servizi di Volontariato Europeo). E’sempre aggiornato ed è possibile consultarlo in ordine di uscita o di scadenza dei bandi. Scambieuropei nasce per dar voce alle numerose possibilità di mobilità giovanile presenti sia a livello europeo che extraeuropeo. Opportunità di lavoro all’estero, borse di studio, attività di volontariato, concorsi e scambi interculturali sono solo alcune delle innumerevoli modalità che vi permetteranno di viaggiare e di fare esperienze all’estero nell’ambito di programmi europei o attraverso le offerte di imprese e associazioni che hanno bisogno di nuove forze.

Alberghi Diffusi

Un pó casa e un pó albergo, per chi non ama i soggiorni in hotel; questa é in poche parole la nuova forma di ospitalità che prende il nome di Albergo Diffuso. Le sue componenti sono dislocate in immobili diversi, che si trovano all’interno dello stesso nucleo urbano. L’aggettivo “diffuso”, denota dunque una struttura orizzontale e non verticale come quella degli alberghi tradizionali, che spesso assomigliano ai condomini. L’Albergo Diffuso si rivolge ad una domanda interessata a soggiornare in un contesto urbano di pregio, a vivere a contatto con i residenti, più che con gli altri turisti e ad usufruire di normali servizi alberghieri, come la colazione in camera od il servizio ristorante. L’albergo diffuso si é rivelato particolarmente adatto per valorizzare borghi e paesi con centri storici di interesse artistico od architetonico, che in tal modo possono recuperare e valorizzare, vecchi edifici chiusi e non utilizzati ed al tempo stesso possono evitare di risolvere i problemi della ricettività turistica con nuove costruzioni oppure le stesse famiglie ospitanti possono trarne il proprio guadagno.

UE, ONU e Lavoro stagionale all’estero

“Opportunità di mobilità all’estero per studenti, neo-laureati e dottorandi” In questo documento son raccolte le decine di iniziative, stage e corsi di formazione portate avanti da UE e ONU e rivolte a tutti coloro che stanno finendo il proprio percorso di studi o si apprestano ad entrare nel mondo del lavoro, in particolare in ambito diplomatico ed economico. Vengono indicati i requisiti richiesti e le date di iscrizione e selezione, dall’Erasmus ai tirocini in Parlamento Europeo, stage alla commissione europea oppure all’ONU. Una quantità considerevole di opportunità.

Una raccolta di opportunità all’estero per studenti e lavotratori rese più accessibili dal sito del comune di Torino. Fondamentale darvi un occhiata.  

Car pooling

Il termine inglese car pooling, corrispondente in italiano ad auto di gruppo o concarreggio, indica una modalità di trasporto che consiste nella condivisione di automobili private tra un gruppo di persone, con il fine principale di ridurre i costi del trasporto. È uno degli ambiti di intervento della mobilità sostenibile. Uno o più dei soggetti coinvolti mettono a disposizione il proprio veicolo, eventualmente alternandosi nell’utilizzo, mentre gli altri contribuiscono con adeguate somme di denaro a coprire una parte delle spese sostenute dagli autisti.E’ una sorta di autostop organizzato per viaggiare insieme e risparmiare. I vantaggi del car pooling sono numerevoli: essendo le autovetture progettate per un minimo di 4 o 5 occupanti e solitamente utilizzate dal solo guidatore, il concarreggio potenzialmente potrebbe migliorare la congestione del traffico riducendo il numero di veicoli in circolazione e senza abbisognare di investimenti in nuove infrastrutture; risparmio economico in termini di costo pro-capite di carburante, olio, pneumatici, pedaggi, costi di parcheggio ecc; riduzione dell’inquinamento, sempre a causa del minor numero di mezzi in circolazione. Miglioramento dei rapporti sociali tra le persone; possibilità di avere un passaggio in qualsiasi parte del mondo.

Attraverso questo tipo di opportunità non solo è possibile muoversi per il mondo e ottenere aiuto nel proprio lavoro a costi limitati, ma rilanciare anche il turismo nel proprio territorio. Il turismo low-cost è un settore infatti in forte crescita. Niente più scuse economiche quindi. L’unica scusa d’ora in poi sarà solo la propria volontà nell’avere la fermezza di prendere una scelta e decidere del proprio futuro.

Esperienza all estero, Esperienza all estero, Esperienza all estero, Esperienza all estero, Esperienza all estero, Esperienza all estero,

 GLA
ProPositivo
“Diffondiamo idee, non problemi”
Turismo e agricoltura, Turismo e agricoltura, Turismo e agricoltura, Turismo e agricoltura, Turismo e agricoltura, Turismo e agricoltura

share save 171 16 Chi siamo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.