Festival della Resilienza 2016



Il progetto è promosso dall’ associazione ProPositivo, in collaborazione con Open Hub, Link Campus International University, Laboratorio di Innovazione Sociale “Adriano Olivetti” dell’ Università “La Sapienza” e molti altri.. Scopri tutti gli attori e partner coinvolti nel 2016 e nel 2015.

Resilienza è un termine che ha diversi significati: In psicologia è considerata come “la capacità di far fronte in maniera positiva agli eventi traumatici, di riorganizzare positivamente la propria vita dinanzi alle difficoltà”. “La capacità umana di affrontare le avversità della vita, superarle e uscirne rinforzato o, addirittura, trasformato”. In ecologia e in economia la resilienza è invece la capacità di un ecosistema o di un sistema economico di “mantenere il proprio funzionamento nonostante un cambiamento o uno shock subito dall’esterno”. L’attuale crisi finanziaria è quindi il periodo perfetto per reintrodurre questo fondamentale concetto nell’immaginario collettivo. Resilienza e sostenibilità vanno a braccetto, ma non vanno confuse. La sostenibilità è un modello, la resilienza è la capacità che lo anima, non può essere imposta, dev’essere coltivata da chi la vive, dalle comunità e gli individui che la praticano. In definitiva la promozione di una società sostenibile senza lo sviluppo della resilienza è del tutto inutile.

E’ nel tentativo di promuovere la resilienza socio-culturale ed economica che ci facciamo promotori di pratiche volte a coltivare la fiducia e la speranza nelle potenzialità individuali e collettive. Perché una comunità propositiva è il presupposto fondamentale per una società resiliente.

Il Festival della Resilienza 2015 si è svolto tra Macomer e Bosa (Sardegna Centro-Occidentale) dal 27 luglio al 1 agosto. Esso rappresenta l’evoluzione dell’esperienza maturata da ProPositivo con l’organizzazione delle due edizioni di “Sardegna in Transazione”, svoltesi nel 2013 e 2014 a Macomer ed incentrate sul rinnovamento delle comunità locali. L’obiettivo portante del Festival è stato la riflessione sulla resilienza delle comunità locali attraverso la creazione di un dialogo tra esperti locali e nazionali, mirato allo studio e alla scoperta del territorio del Margine Planargia, nell’ottica di iniziare un percorso alla ricerca di soluzioni non convenzionali, con cui affrontare la crisi e promuovere nuovi modelli di sviluppo sostenibili. Seguendo tale aspirazione, al centro della riflessione sono state poste alcune delle tematiche cardine delle strategie europee e regionali: partecipazione, trasparenza, sanità di iniziativa, rigenerazione territoriale, imprenditorialità locale, agro-turismo ed internazionalizzazione dell’offerta culturale. Scopri di più sul Festival 2015 cliccando qui.
Per affrontare queste tematiche abbiamo ideato il Brainsurfing: un incontro tra riflessione dinamica (brainstorming) e ospitalità diffusa (couchsurfing), che ha permesso ai nostri ospiti di condividere un esperienza emozionale di scoperta del territorio, ospitati gratuitamente dalle famiglie locali e dall’associazione ProPositivo. Si tratta di un modello simile a quello della banca del tempo, arricchito però dalla possibilità di scoprire il patrimonio umano, naturale e culturale del territorio, nel contempo luogo di scoperta e caso studio del Festival. l’obiettivo di innescare la produzione di soluzioni “non convenzionali” per promuovere lo sviluppo locale. Tale obiettivo richiede una formula organizzata innovativa, diversa dalla solita conferenza, a cui devono partecipare persone con profili dinamici e differenti. La metodologia si è dimostrata fondamentale non solo per la co-progettazione e co-creazione del Festival ma soprattutto alla creazione di un legame umano prima ancora che professionale tra i partecipanti.
Il risultato è stato una settimana di incontri itineranti attraverso le regioni storiche del Marghine e Planargia, che ha visto oltre 50 organizzazioni e istituzioni locali, regionali e nazionali (Regione Sardegna, Libera, LIS La Sapienza, Lab. Economia Locale “La Cattolica” e molti altri) riunirsi intorno alla scoperta delle criticità e potenzialità del territorio. Il Festival ha portato alla creazione del Laboratorio di Innovazione Sociale (LIS) del Marghine-Planargia, sul modello dei LIS promossi dal nostro partner OpenHub nelle università italiane e del mondo. Scopri di più sul BrainSurfing o su i progetti del LIS Marghine-Planargia.
Attraverso la diffusione di una Open Call, ProPositivo e il suo network andranno alla ricerca dei migliori laboratori di formazione, attività ludiche, performance, esposizioni in grado di animare ed educare le comunità del Marghine, coinvolgendo gli esperti che le proporranno in una settimana di scoperta e riflessione itinerante sul territorio. In particolare saranno previste:
  • Una Call Scientifica per la selezione di papers sui temi della rigenerazione urbana e della sostenibilità ambientale, per la quale è ad oggi attiva una collaborazione con la Link University di Roma e il LIS “Margherita Hack”;
  • Una Call Giornalistica, in partnership con La rete degli oltre 8000 Giornalisti Nell’Erba, dei 21 canali locali di Cittànet, in collaborazione con ProPositivo, Openhub, il LIS del Dip. di Comunicazione e Ricerca Sociale dell’ Università “La Sapienza” ed una giuria di professionisti proveniente dalle maggiori testate italiane, promuovono un Contest Giornalistico nazionale che premi i migliori articoli che parlino di esempi virtuosi, propositivi e resilienti nel contesto dello sviluppo delle comunità locali.
  • Una Call Artistica, avente come principale promotore Sardegna Teatro e Sardinia Film Commission, finalizzata sia alla selezione di artisti, performer, makers e video-maker per popolare la “residenza della creatività” ed il pitch contest.
  • Una Call per Attività, Laboratori ed Espositori, che nello spirito della Banca del Tempo, vogliano condividere le loro produzioni, competenze ed esperienze accedendo gratuitamente a tutte le attività e laboratori del Festival.
  • Una Call per Media Partner

Le Call si apriranno il 20 giugno.

Il Festival della Resilienza 2016 si terrà a Macomer, tra il 27 Agosto e il 3 settembre. L’evento avrà inizio il 27 Agosto per i partecipanti alle diverse Calls con il Brainsurfing, due giornate fondamentali per inquadrare il territorio caso studio, e per la creazione di un gruppo organizzativo che supporterà le varie attività e workshop durante i giorni del Festival. il tema centrale sarà il “capitale relazionale”, ovvero come l’unione tra intelligenza collettiva e connettiva può accrescere la Resilienza dei territori. L’intero festival è frutto della co-progettazione annuale di diverse organizzazioni e istituzioni locali, nazionali e internazionali ed è fondato sugli strumenti dell’economia della condivisone.

Tra le novità di quest’anno:

  • 20 laboratori aperti al pubblico tenuti da esperti nazionali e locali sulle tematiche portanti del Festival
  • 4 tavoli tematici regionali su Rigenerazione Territoriale, Economia Locale, Sanità d’iniziativa e Impresa culturale.
  • Un Hackaton tra le scuole secondarie su il monitoraggio civico con il progetto MIUR A Scuola di OpenCoesione;
  • La creazione di una Residenza per Artisti e di un Contest teatrale diretto da Sardegna Teatro e Sardegna Film Commission.
  • Un concorso giornalistico sulle migliori pratiche virtuose per le comunità locali con Il LIS del Dip. di Comunicazione e Ricerca Sociale dell’Università “La Sapienza”, la rete degli oltre 8000 Giornalisti nell’Erba e dei 21 canali di giornalismo partecipativo locale di Cittanet;
  • 5 studi sulla rigenerazione territoriale promosso da Link Campus University e il LIS Margherita Hack;
  • Il TEDx “Una crisi ricca di opportunità” chiuderà l’esperienza con la partecipazione di narratori di rilievo nazionale e internazionale che ci racconteranno come Innovazione Sociale, Resilienza, Economia della condivisione e Finanza Locale stiano cambiando il nostro modo di guardare alla crisi.
  • Attività culturali e sociali, dai laboratori teatrali agli spettacoli di intrattenimento serali a cura della Residenza di Artisti.
  • Concerti, Letture, Presentazioni, Cene Sociali, Proiezioni ed Esposizioni
  • Place Alt Text Here
  • Place Alt Text Here
  • Place Alt Text Here

Il blog di ProPositivo collabora con il FattoQuotidiano.it a questo indirizzo. Fa inoltre parte della rete di Giornalisti Nell’Erba, di cui si è aggiudicato il primo premio nel 2014. Scopri tutte le altre collaborazioni o scopri i diversi modi per unirti a noi.
Alt Text

ProPositivo è attivo in diversi progetti. Pur nascendo come progetto virtuale è ora attivo fisicamente all’interno delle comunità locali lavorando alla creazione di una rete di attori sul territorio, impegnati nello scambio attivo di competenze ed esperienze. Il progetto di sviluppo locale Comunità Resilienti, il brainstorming itinerante BrainSurfing, e la nostra Campagna di Idee ruotano intorno a questi importanti valori. Scopri tutti i Progetti!

Rimani aggiornato iscriviti alla Newsletter (ti basterà scorrere fino a fine pagina) o Scopri tutti gli altri progetti!

share save 171 16 Chi siamo?