Festival della Resilienza 2017



Verso il Festival della #Resilienza17

Sei un artista, un innovatore o semplicemente un appossionato di arte e innovazione sociale, culturale, economica e scientifica? ***Sono aperte le iscrizioni per la Residenza Artistica e per la Summer School sull'Innovazione di #Resilienza17*** Partecipa anche tu: https://goo.gl/EbgxnXoppure SOStienici, abbiamo bisogno di tutto il tuo supporto: https://goo.gl/vMDdjS

Posted by ProPositivo on Monday, March 13, 2017

Ogni giorno nel mondo grandi piccole realtà virtuose, spesso nell’indifferenza mediatica, stanno cambiando il nostro modo di guardare non solo alla crisi, ma anche al progresso e l’innovazione. Dare spazio e connettere tali realtà è la leva più potente per rilanciare il futuro non solo nei luoghi in cui non si vede ma soprattutto in quelli in cui è persino impossibile immaginarlo. Questa è la sfida di ProPositivo. Questa è la sfida del Festival della Resilienza.


Nell’uso comune, la parola Crisi è diventata il perno di tutta la narrazione negativa e decadente del nostro tempo. Espressioni quali «la crisi economica» o «la crisi sociale» sono familiari tanto in Sardegna quanto nel resto d’Italia e d’Europa. Il simbolo linguistico dell’immobilismo e dell’apparente impotenza di intere comunità.

Scavando però nelle sue radici etimologiche, la parola crisi in greco significa scelta, decisione. In cinese invece è la somma di due caratteri significanti pericolo ed opportunità. La crisi rappresenta quindi una condizione di pericolo in cui si annidano numerose opzioni di scelta. La capacità di trasformarle in opportunità risiede nella Resilienza (dal latino resilire, rimbalzare), intesa come «la capacità di un individuo di affrontare e superare un evento traumatico o un periodo di difficoltà».

Da questa consapevolezza è nato il Festival della Resilienza. Promotrice dell’iniziativa l’associazione ProPositivo, realtà nata dalla spinta di un gruppo di giovani tra i 20 e i 30 anni, sparsi per l’Italia ed il mondo, studenti e lavoratori, realisti e sognatori, uniti intorno ad un assunto semplice: se il tempo normalmente usato per lamentarci delle difficoltà lo investissimo nell’analisi e la soluzione dei problemi, saremo in grado di escogitare proposte innovative e sostenibili.

Nel corso degli ultimi 3 anni intorno al Festival si è venuta a formare una rete di oltre 50 partner sul suolo europeo, con lo scopo di creare un modello replicabile di rigenerazione territoriale, capace di mettere a sistema le realtà più virtuose in campo economico, sociale e culturale con i territori che maggiormente risentono la crisi e lo spopolamento in Italia. Quest’anno si svolgerà dal 21 Agosto al 2 Settembre e in queste due settimane promuoveremo la scoperta del Centro-Sardegna con 4 giorni di turismo attivo tra Nuoro, Macomer e Bosa. Al centro della sperimentazione il modello del Brainsurfing, un incontro tra la riflessione dinamica (brainstorming) e l’ospitalità diffusa (couchsurfing). Un itinerario che si soffermerà sulle potenzialità e criticità del territorio sul quale i partecipanti lavoreranno e che permetterà di creare relazioni umane prima che professionali tra innovatori e artisti esterni al territorio con esperti e artisti locali.

Ci concentreremo poi sul Marghine per 8 giorni con decine di eventi socio-culturali, la sperimentazione del primo InfoLab europeo e una summer school di formazione per la comunità su diversi temi, dall’imprenditoria locale all’euro-progettazione, dal giornalismo all’arte pubblica. Il tutto avverrà a fianco di una Residenza per Artisti che andrà a coinvolgere oltre 60 tra attori, ballerini, registi, scrittori, fotografi, street-artist e musicisti italiani e stranieri, i quali al fianco di innovatori nel campo dell’arte pubblica e delle smart cities collaboreranno per creare un progetto per il territorio, animare il festival e fare formazione alla comunità.

Un modello, quello del Festival della Resilienza, basato sull’economia della condivisione, che punta sulla rivalorizzazione e connessione delle risorse del territorio-pilota e le reti esterne, di modo da creare contaminazione e facilitare l’importazione di nuove competenze. Relazioni e professionalità che rappresenteranno la leva per animare il territorio e stimolare il nuovo protagonismo intellettuale e progettuale degli attori locali. Per creare questa potente alchimia, c’è bisogno di competenze ma anche di motivazione ed energia. Persone che abbiano interesse a contribuire allo sviluppo di nuovi metodi di gestione della complessità ma soprattutto che abbiano voglia di mettersi in gioco in un percorso di ascolto ed in un gruppo di lavoro interdisciplinare.

Per riuscire in questo è stata aperta una call artistica e una scientifica/giornalistica, al fianco dell’offerta laboratoriale attivata dal Festival.

Qui di seguito invece, la descrizione del progetto e dell’esperienza in 5 punti riassunti in brevi slide.


Scopri di più cliccando qui.





Il blog di ProPositivo collabora con il FattoQuotidiano.it a questo indirizzo. Fa inoltre parte della rete di Giornalisti Nell’Erba, di cui si è aggiudicato il primo premio nel 2014. Scopri tutte le altre collaborazioni o scopri i diversi modi per unirti a noi.
Alt Text

ProPositivo è attivo in diversi progetti. Pur nascendo come progetto virtuale è ora attivo fisicamente all’interno delle comunità locali lavorando alla creazione di una rete di attori sul territorio, impegnati nello scambio attivo di competenze ed esperienze. Il progetto di sviluppo locale Comunità Resilienti, il brainstorming itinerante BrainSurfing, e la nostra Campagna di Idee ruotano intorno a questi importanti valori. Scopri tutti i Progetti!

Rimani aggiornato iscriviti alla Newsletter (ti basterà scorrere fino a fine pagina) o Scopri tutti gli altri progetti!

share save 171 16 Chi siamo?